Il mistero dei ravioli avvelenati

33bdca172e3d09c160f9f6a76a139d7f.jpgUna partita di ravioli cinesi surgelati ha mandato all’ospedale un migliaio di Giapponesi con sintomi di avvelenamento. A parte una ragazza, le cui condizioni, appaioni gravi, gli altri sono tutti, per fortuna, fuori pericolo anche se dubito che in futuro vogliano ancora acquistare ravioli surgelati provenienti dalla Cina.
I casi si sono verificati un po’ in tutto il Giappone e sono tutti collegati ad una partita di ravioli che la JT Foods ha importato dalla società cinese Hebei Foodstuffs. Test di laboratorio hanno evidenziato la presenza di pesticidi nei ravioli consumati dalle vittime.
I Cinesi, dal canto loro, hanno condotto delle indagini presso lo stabilimento incriminato ed hanno escluso qualsiasi tipo di avvelenamento in quanto nelle piantagioni della Hebei Foddstufs non è mai stato usato il Methamidophos, il pesticida trovato negli alimenti.
Resta quindi il mistero di come il pesticida sia entrato nei ravioli e si comincia a parlare di un sabotaggio in quanto una confezione presenterebbe del fori nell’involcruo.
Un team di esperti cinesi si è recato in questi giorni in Giappone per studiare il caso con i colleghi giapponesi. Il portavoce del Governo, Nobutaka Machimura, ha detto che il Giappone sta prendendo in considerazione l’ipotesi di mandare una delegazione in Cina per studiare la piantagione incriminata, nella provincia di Hebei.

Personalmente devo dire che ho un debole per i ravioli cinesi e la notizia mi ha un po’ scioccato anche se di ravioli contaminati al pesticida è la prima volta che ne sento parlare anche se non dubito che i cinesi chissà quali sostanze chimiche utilizzano per potenziare artificialmente le loro piantagioni.
I ravioli cinesi sono degli involtini di pasta ripieni di carne, o pesce, e vedura finemente tritata. Di solito si possono cuocere al vapore o friggere ed intinti nella salsa di soia sono veramente deliziosi.

Il mistero dei ravioli avvelenatiultima modifica: 2008-02-04T14:35:02+01:00da parsifal661
Reposta per primo quest’articolo