I cellulari: un’ossessione dei giovani

dbb08fb7a32ce9bb43c7221ed05c243d.jpgIl Giappone è notoriamanente all’avanguardia nel campo della telefonia mobile, sia come tecnologia e sia per i servizi che offrono. Nel Paese i cellulari sono diffusissimi, in tutte le fascia d’età, e danno la possibilità di fare molteplici attività come, a mò di esempio: leggere e scrivere e-mail o sms, navigare in Internet, giocare, chattare, ascoltare musica, leggere e scrivere libri, farsi dare consigli sui più svariati argomenti. Ormai molti giapponesi sono inseparabili dai loro cellulari che utilzzano non per telefonare, che rimane la funzione principale, ma come un piccolo computer portatile da usare magari sui mezzi di trasporto, nelle sale d’attesa e in qualsiasi altro momento libero.

Un terzo dei ragazzi dai 7 ai 12 anni utilizza il cellulare, dato che sale al 96% tra quelli che hanno un’età maggiore: tra questi. le ragazze lo usano per 124 minuti al giorno, mentre i maschi per 92 minuti.
Ma questa diffusione tra i giovanissimi, porta a seri problemi di comunicazione e di relazioni sociali. Sempre più spesso i ragazzi preferiscono comunicare tra di loro per mezzo di e-mail e sms scritti con il cellulare piuttosto che farlo di persona.
Uno studio condotto dal Professor Tetsuro Saito, su ragazzi di 14 anni, ha mostrato che il 60% usa il cellulare e, di questi, la metà scrive tra le 20 e le 40 e-mail al giorno. Lo studio riporta il caso di una studentessa che comunica con i suoi compagni di scuola solo tramite le e-mail scritte dal suo cellulare, nessun contatto diretto.
Gli esperti, i sociologi, sono preoccupati per questo declino della comunicazione personale. I giovani si sentono insicuri ed indifesi senza il loro cellulare: è in pratica diventato una ossessione.

Un altro fenomeno è quello del cyber-bullismo, fenomeno in drammatico incremento in questi ultimi anni. In forma anonima vengono spediti, alle vittime designate, numerosi messaggio con frasi offensive e minacce varie. Spesso la vittima, sempre i deboli vengono presi di mira, non regge e, purtroppo, ricorre al suicidio. Il fenomeno è particolarmente diffuso in ambiente scolastico e spesso, iniziato magari come un gioco o scherzo goliardico, sfocia in dramma con esiti talvolta tragtici. Nei cellulari, inoltre, sono poco presenti, o poco usati, i blocchi per impedire l’accesso dei minori a siti vietati: il risultato è che i ragazzini sono spesso preda di pedofili.
Le autorità chiedono aiuto ai grandi colossi della telefonia mobile ed ora anche loro cominciano ad accorgersi che il problema non va assolutamente sottovalutato.

Il cellulare è senza dubbio un mezzo di grande utilità per facilitare la nostro vita, ma se non usato con accortezza ed intelligenza può rivelare tutti i suoi aspetti negativi.

I cellulari: un’ossessione dei giovaniultima modifica: 2008-01-22T12:41:32+01:00da parsifal661
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “I cellulari: un’ossessione dei giovani

  1. proprio questa mattina ho scritto un post che si incrocia con il tuo!
    Il Giappone mi attrae incredibilmente ma certe volte mi respinge disperatamente per queste sue enormi contraddizioni!
    Grazie,Grazie….e sempre GRAZIE!
    Sei una fonte inesauribile di notizie!!!

I commenti sono chiusi.