Un segno dei tempi moderni

63d5bd6823a9b99299f4a20f5e329faf.jpgUno studio condotto, su uomini dai 30 ai 50 anni, dalla Matsushita Electric Works, il leader nipponico per quanto riguarda i WC elettrici,  ha dato risultati stupefacenti: quasi la metà degli uomini, il 49%, urina seduto e non in piedi come è di uso tra i maschi. Un analogo studio eseguito nel 1999 ha dato un risultato inferiore del 15% rispetto ad oggi.
La Matsushita ha cercato di interpretare il dato puntando il dito sulle mogli che sarebbero stanche di dover continuamente pulire attorno al water. Ma gli psicologi non sembrano molto convinti di questa interpretazione anche se neanche loro sanno dare una spiegazione univoca.
Fare la pipì in piedi è per il maschio un motivo d’orgoglio e, secondo alcuni, un comportamento ancestrale di quando andava a caccia per procurarsi cibo per il sostentamento della famiglia. E’ un comportamento di “forza” di fronte alla donna che deve invece sedersi per urinare. Questo cambiamento di abitudine potrebbe sembrare quindi una perdita di potere da parte del maschio. Altri esperti danno invece la colpa alla vita sedentaria e ad una vita sessuale più povera rispetto al passato. Sono i più giovani a preferire di urinare seduti piuttosto che in piedi e questo potrebbe essere causato dal fatto che oggi, rispetto al passato, i giovani giapponesi passano meno tempo all’aria aperta con i loro coetanei e quindi non hanno più modo di vivere con loro questo gesto visto come simbolico passaggio all’età adulta, di conseguenza sarebbero più propensi a seguire i consigli della madre.

Per chi non ha mai visto i famosi water giapponesi, non sono delle normali tazze di ceramica, di metallo, di plastica o, meglio, non sono solo questo: sono anche computerizzati. Forse in questo sanitario è condensata la genialità dei Giapponesei. Il water, oltre a rappresentare quello che tutti noi conosciamo, è anche bidet da usare dopo aver espletato i propri bisogni, Con una tastiera è possibile regolare il getto dell’acqua, per la pulizia delle parti intime: la sua intensità e il movimento del getto. Inoltre l’anello può essere riscaldato e d’inverno la cosa è sicuramente piacevole. Personalmente ho visto modelli che incorporavano anche un piccolo lavello per lavarsi le mani e la genialità della cosa mi ha davvero divertito: dopo aver fatto i propri bisogni, si tira lo sciacquone e l’acqua, prima di finire nel cassone, esce da un piccolo rubinetto posto in testa alla struttura permettendo così all’utente di lavarsi le mani. Un notevole risparmio di acqua, oltre che di spazio.
Certo, a volte capitano incidenti di utenti che si ustionano le natiche per qualche difetto di produzione, ma, come si dice, sono cose che capitano :-))

Un segno dei tempi moderniultima modifica: 2008-01-21T12:40:20+01:00da parsifal661
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Un segno dei tempi moderni

  1. Beh prima della mia partenza per il Giappone ti chiederò di darmi le istruzioni per l’utilizzo di questi wc fantastici!
    mi conosco e so che oltre ad ustionarmi il sedere, allagherei il bagno non riuscendo a gestire i comandi dell’acqua!!!
    Già mi immagino!hihi

  2. Non ti preoccupare Beatrice…le immagini sui tasti sono molto descrittive, almeno su quelli che ho visto io :-)))
    Se il Water che userai non sarà difettoso, non dovresti correre nessun pericolo e magari ti verrà anche voglia di usarlo molto più del necessario :-))))

I commenti sono chiusi.