Iniziata la fioritura dei ciliegi

blossom.jpg

L’albero di ciliegi “Sakura” è forse uno degli elementi più conosciuti del Giappone. La spettacolare fioritura dei ciliegi, che ogni anno dà il via alla primavera, attira frotte di turisti anche per i numerosi festival, in giro per il paese, che accompagnano questo evento, vero e proprio spettacolo della natura.
Ogni anno, alla fine dell’inverno, quando le temperature cominciano ad addolcirsi, inizia lo spettacolo della fioritura dei ciliegi. Naturalmente, a causa delle condizioni climatiche. non in tutto il paese avviene nello stesso momento, ma gradualmente, da sud (Okinawa), e risalendo verso nord (Hokkaido), tutto il paese festeggia questo evento che simbolizza l’arrivo della primavera e il risveglio della natura.
La fioritura dei ciliegi è uno degli spettacoli maggiormente attraggono i turisti, specialmente quelli stranieri che rimangono affascinati dall’esplosione di colori e di profumi che accompagna questo evento. Feste e riti in tutto il Paese salutano questo spettacolo e la gente si riunisce sotto i ciliegi in fiore per mangiare e bere.
L’agenzia meteorologia, ogni anno, emette dei bollettini con le previsioni di fioritura dei ciliegi, ma quest’anno la natura ha anticipato i tempi e non è la prima volta che capita in questi ultimi anni. La fioritura è arrivata a Tokyo addirittura il 21 Marzo, 5 giorni prima del previsto. Il responsabile maggiore di questo anticipo, dicono gli esperti, sta nel clima urbano che in questi ultimi anni è sempre stato in costante aumento: cemento, traffico, inquinamento, assenza di verde. Oltre a questo, anche il fenomeno del riscaldamento climatico: basti pensare, per esempio, che la “linea di fioritura”, tarata al 1 Aprile, negli ultimi 40 anni e salita di 200 chilometri verso nord.
Non sono pochi ad essere preoccupati per questo anomalia climatica che potrebbe addirittura portare alla sparizione dei tanto affascinanti Sakura.

Iniziata la fioritura dei ciliegiultima modifica: 2009-03-27T15:45:20+00:00da parsifal661
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento